Mix of the week:

Floating Points
15 March 2016

Mix of the week: Floating Points

Nato a Manchester, con sede a Londra, produttore / dj e compositore Sam Shepherd (24 anni) aka Floating Points è diventato in breve tempo uno dei più rispettati e ricercati musicisti degli ultimi 5 anni. Ha debuttato nel febbraio 2009 con un edizione a tiratura molto stretta da 7 pollici intitolata ‘For You/Radiality’ (Eglo records) e da li ha continuato ad affermarsi come uno dei precursori del nuovo movimento moderno, guadagnandosi il rispetto dei suoi “illustri” colleghi come Theo Parrish, Kyle Hall, Benji B, Ramadanman, Four Tet, Kode 9 e Mary Anne Hobbs. Le sue release sono state pubblicate prevelantemente dalla EGLO Records e su Planet Mu, R2, Ninja Tune.

Il nome “Floating Points” ha il suo peso nel mondo dei DJ più blasonati vista la sua poliedricità tra produzioni ed arrangiamenti per canzoni d’autore. In breve tempo Shepherd ha conquistato le folle di tutto il mondo con i suoi set rigorosamente affidati al suono del vinile e che spaziano tra house, techno, soul e disco, portandolo scalare classifiche ed a viaggiare continuamente in tutto il mondo.